giovedì 12 settembre 2013

Festival scolastico - matrimonio Fukuoka

Oggi voglio parlarvi del festival della scuola, che si è svolto proprio giovedì e venerdì scorso. È una cosa che non esiste in Italia, ma... Tanto di cappello. Ogni classe praticamente allestisce un gioco o qualche strana attività: c'è chi come la mia classe (2-8) ha organizzato una caccia al tesoro con tanto di indovinelli impossibili, chi ha allestito una vera e propria obakeyashi (casa dei fantasmi) e chi ha cucinato (di tutto, dal gelato alla yakisoba). A turno tre, quattro persone facevano il proprio turno nella loro classe mentre gli altri andavano in giro per la scuola, e in palestra facevano spettacolini demenziali. Durante la cerimonia di chiusura ha suonato l'orchestra della scuola.. Bravissimi. Ah, ho partecipato per la prima volta a una cerimonia del tè. Emozionante davvero. E infine, ma non meno importante, è stata un'occasione per legare con ragazzi di altre classi.

Dopo aver festeggiato venerdì sera con la classe in un ristorante italiano che di italiano aveva ben poco, la mia host family, dopo un viaggio di 17 ore in camper, siamo arrivati su un'isola nella regione del Kiushu, a casa dei genitori del mio host dad. Finalmente sono entrato in una casa tradizionale giapponese!
Il giorno dopo, domenica, c'è stato il matrimonio a Fukuoka. Una città che meriterebbe qualche giorno in più per essere visitata. Il matrimonio è stato in stile occidentale, con tanto di abito bianco della sposa. Durante il pranzo (che è stato pure la mia cena) gli sposi hanno sfilato più volte, è stato proiettato un video con le "memories" di entrambi, e infine la sposa ha fatto un discorso ai suoi genitori. Mi sono sorpreso di aver capito un buon 50% di quello che ha detto, e non ho fatto a meno di commuovermi (no, non perché ho capito, ma perché ringraziava i suoi genitori ricordando di quando era piccolina).

Ah, mentre eravamo a Fukuoka, a Meiwa è passato il tifone, ma il vento forte si è sentito pure da noi e ha continuato tutta la notte, con il ritorno in barca è stato un incubo.

Tutto ciò è stato scritto al ritorno, altre 17 ore di camper.

Uno dei prossimi giorni vi racconto della mia routine quotidiana, promesso.

Simone ♥

Vista di Fukuoka

Finalmente ho visto un castello giapponese!

Favorite?